lasotae


Mi piace la storia di Roma Città Aperta. Benché il film è molto tragico, è onesto e reale. Dimostra il ruolo della gente dell’Italia nella resistenza contro i fascisti e i nazisti. In oltro, concentra in le rapporti fra i personaggi maggiori. Il mio personaggio preferito è Pina. Lei è una donna molto forte. Ha un bambino, si chiama Marcello, ed é incinta con un bambino di Franceso, il suo fidanzato. Odio la scena quando Pina é uccisa, rincorrendo Francesco. É molto improvviso. Manfredi é un altro personaggio principale. É un capo del Comitato di Liberazione Nazionale. Riceve aiuto di Don Pietro, un prete-partigiano. (La mia scena preferita é quando Don Pietro colpisca il uomo vecchio nella testa perchè lui non sta zitto.) Si arrestano Manfredi e Don Pietro dai fascisti, e si prendono alla prigione. Manfredi è torturado per informazione, ma non dice niente ed è ucciso. Don Pietro rivendica che anche non sa niente, ma i fascisti lo uccidono similmente. I bambini della resistenza osservano l’omicidio, e continueranno la loro battaglia contro i fascisti e i nazisti.

Il film Roma Città Aperta è rappresentante del movimento di neo-realismo in Italia dopo la seconda guerra mondiale. Gli attori non sono professionale, e la presenza di bambini è una parte importanta della storia. Gli avvenimenti nel film dipinge le vite delle persone poveri dell’Italia – la loro soffrenza e la loro lotta contro cattiveria. Usano la lingua vita di tutti di giorno, e sono personaggi popolari. Nella fine, c’è un finale aperto – non c’è una terminazione contenta.

Descrizione Generale
•L’Archiginnasio
Dietro di San Petronio, in Piazza Galvani, è l’Archiginnasio, un edificio vecchio e grazioso che tempo addietro è stato l’unversità di Bologna e adesso è uno della più grande biblioteca del municipio in Europa. I suoi corridoi dipinti sono impilati alto con volumi rari e coperti con cuoio. Sono troppo delicati a toccare. Affermazione all’Archiginnasio è limitata, perchè i pavimenti vecchi di legno si incurva.

•Il Teatro Anatomico
Questo teatro di legno, usato per dissezioni da facultà medica, si construì nell’XVIII secolo. È stato distrutto da esplosioni durante tempo di guerra, ma è stato restituito completamente, usando il legno originale. I proprietari terrieri dovevano pagare a essere presente le prime dissezioni publicci nel mundo, ma oggi la entrata e gratis.

L’Archiginnasio
•Questo edificio si construì tra 1562 e 1563, dal progetto di Antonia Morandi, immaginando diventare la prima sede dell’università (fino a 1803). Le pareti dentro sono coperte con i blasoni degli studenti italiani e stranieri che sono andati all’università.
•Sul secondo piano, c’è un teatro anatomico, che sarà spiegato più tardi.
•Anche dentro al edificio, c’è la biblioteca comunale, e la Cappella di Santa Maria Bulgari, con affreschi da B. Cesi.

La Biblioteca Comunale
•La Biblioteca possiede circa 800.000 volumi ed opuscoli. Il nucleo originario delle raccolte è costituito da fondi librari di biblioteche conventuali, pervenuti al Comune di Bologna dopo la soppressione delle corporazioni religiose; è stato costantemente arricchito nel tempo da acquisti e doni.
•La Biblioteca Comunale risale al 1801 ed era inizialmente ospitata nel Convento di San Domenico; fu trasferita negli antichi locali dell’Università nel 1838.
•I testi collezionati sono di vario argomento, con prevalenza nelle discipline storiche, filosofiche, politiche, letterarie, artistiche, biografiche e bibliografiche ed una sviluppata sezione dedicata alla cultura bolognese.
•La biblioteca conta oggi oltre 600.000 volumi, 25.000 lettere di uomini illustri e 12.000 manoscritti

Il Teatro Anatomico
•Construito nel 1637 da Antonio Levante sul secondo piano dell’archiginnasio, il teatro ha fatto completamente di legno. Questo è dove le lezioni di anatomia sono stati diretti, analizzando e sezionando un corpo nel tavolo di marmo nel mezzo della stanza. La stanza ha le statue molto famose dei Spellati (Skinless) – da Ercole Lelli.

•Mentre la affermazione alla biblioteca è limitato, turisti si permettono nel teatro anatomico. I pareti di legno, le statue dei medici famosi, e panche di legno circondano un singolare tavolo nel centro dell’teatro operativo. Il cielo è dipinto con le constellazione. La “Grand Room” è coperta con i blasoni, e la “Great Room” è la stanza di riunione degli studente di legge.

•Due scannati (skinned bodies) sostenono una tettoia sopra la sedia del professore. Una volta, un esponente pontificio vide le procedure operative tramite una griglia, dirimpetto la sedia del professore, per accertarsi che il cervello ed il cuore (due parti del corpo considerati interdetti all’accesso dalla chiesa) non sono stati toccati da un coltello.

La Regione
•Il capuluogo: Catanzaro
•5 province
–Cosenza
–Crotone
–Catanzaro
–Vibo Valentia
–Reggio di Calabria

La Popolazione
•Popolazione: 2,011,466
•Area: 15,081 km²
•Mancano le città grandi, perché la conformità del terreno è montuoso, e molti abitanti sono fattori.
•Inoltre, come altri paesi, emigrazione è molto comune ancora.

La Geografia
•La Calabria confine con il mare Tirreno al ovest, e il mare Ionio al est.
•Il paesaggio e prevalentemente montuoso e collinoso.
•Due solchi dividono la penisola in tre regioni montuosi di verdi boschi, pascoli, e acque sorgive.
•La terra crea i centri isolati urbani, dove la popolazione è centralizzata.

L’Economia
•La maggior parte degli abitanti lavorano in l’attività agricola.
•Raccolte redditizie: barbabietole da zucchero, tabacco, fiori, ortaggi, ulivi, arance, fichi, mandorli, e viti
•Comunque, la pesca non è molto sviluppata.
•Crotone è la sola zona industrializzata.
•Il turismo è limitato alle regioni di montagna e della costa.

La Cultura & Lingua
•La lingua ufficiale è l’italiana, ma ci sono due dialetti distinti.
•Nel nord, un dialetto della lingua Neapolitana è parlata.
•Nel sud, un dialetto della lingua siciliana è usata.
•Nelle sacche isolate, una lingua ibrada, si chiama Griko, è parlata.
•La regione sono rurale e non sono sfruttate.

La Storia
•La Calabria era abitato primo dai Bruzi, e poi dai Greci; lo chiamarono Betia.
•I Greci furono conquistato dai Romani nel III secolo AC.
•Dopo il termine del impero Romano, la regione era una vittima di malaria e raid pirate.
•Ai quei tempi, era il confine fra l’impero bizantino ed l’impero arabo.
•Era controllata da molti dittatori, ma alle fine, fu unificato con altre regioni come L’Italia.

I Residenti Famosi
•Gianni Versace
•Pythagoras
•Gennaro Gattuso
-Nato nel 1978 in Corigliano Calabro (in Cosenza, Calabria).
-È un “midfielder” nella squadra della coppa del mondo.

La Mia Famiglia
•Il padre di mia bisnonna, Antonio, è stato un raccoglitore di olive in Calabria, Italia.
•La sua famiglia sono emigrati agli Stati Uniti nel 1905 da San Giovanni in Fiore, Cosenza, Calabria.
•Mia bisnonna è nata in America nel 1911.

Next Page »