obrienm


Il film, “Roma Città Aperta,” è molto interessante. Secondo me, il film è una descrizione esatta degli eventi nella seconda guerra mondiale, specialmente gli eventi in’Italia. Nel film, il fascismo e i tedeschi sono rappresentati come cattivi e molto negativi. D’altra parte, i partigiani sono dipinti come buoni e positivi. Inoltre, il film e molto triste. La morte di Pina è specialmente triste. Pina era innamorata e ha voluto sposare Francesco, anche aspettava un bambino. Quindi, la sua morte era molto triste. Le morte di Don Pietro e Manfredi sono triste. Manfredi era torturato per informazione, ma non ha detto niente e i tedeschi l’hanno ucciso. Don Pietro era giustiziato. Io penso che questa scena era la scena più importante e significative nel film perché i bambini vedono la morte. Questa scena rappresenta che i bambini continueranno la resistenza contro i tedeschi. Don Pietro è diventato un martire. Infine, io penso che questo film è molto tragico ma e anche molto realistico. Il film descrive la realtà della guerra e gli eventi circondanti.

Il Piemonte
L’Informazione Elementare
• Il Piemonte ha 4.300.000 abitanti
• Il nome “Piemonte” è derivato dalla frase “ai piedi delle monte”
• La superficie è 25,400 chilometri quadrati
• Il Piemonte ha otto province: Alessandria, Biella, Asti, Cuneo, Novara, Torino, Verbano-Cusio-Ossola, e Vercelli
La Posizione Geografica
• A nord, confina con il Valle d’Aosta e la Svizzera.
• A ovest, confina con la Francia
• A sud confina con la Liguria
• A est confina con la Lombardia e l’Emilia Romagna
Il Capoluogo
• Il capoluogo del Piemonte è Torino
• Torino è il più importante città del Piemonte
• È il più grande città, ha una popolazione di 900.000
• Nel l’inverno del 2006, Torino ospiterá le Olimpiadi dell’inverno
• Le Olimpiadi seranno molto buono per l’economia
La Geografia
• La geografia di Piemonte consiste di 43% della montagna, 30% della pianura, e 27% della collina
• Le principali montagne di Piemonte sono le Alpi, sono situati ad ovest e a nord
• Gli Appennini sono situati al confine con Liguria e Emilia Romagna
• Le principali zone collinari sono il Canavese
• Il lago più grande è il Lago Maggiore, il quale è uno dei laghi più grandi d’Italia
L’Economia
• L’industria è molto importante per l’economia di Piemonte
• L’industria della automobilistica è essenziale per l’economia
• La produzione della macchina FIAT è nel Piemonte
• Anche, l’agraria è importante
• I prodotti agricoli consiste di cereali, patate, e frutta
• Nelle zone collinari la coltivazione delle vite (uva) è grande
La Cultura
• La cultura di Piemonte è basato sull’esistenza di molti santuari, musei, e castelli
• Ci sono 130 musei nella provincia Torino, di quale il più importante è Il Museo Egizio di Torino
• Ci sono più di 300 musei nel’intero di Piemonte

Il Museo Civico Archeologico di Bologna
Informazione Supplementare
• La prima construzione del museo era nel XV secolo.
• Le modifiche hanno finito nel 1881, e il museo era aperto al publicco.
• È situato nel Palazzo Galvani, vicino alla Piazza Maggiore e la chiesa di San Petronio.
• L’entrata al museo è gratuita.
Le Collezioni
• Le collezioni sono cominciate con le scoperte archeologiche di Bologna.
• Il pittore Pelagio Pelagi ha contribuito alla collezione nel 1861.
• Un contributo grande era fatto con la scoperta delle tombe etrusche nel 1869.
• Oggi, in tutto, il museo ha una collezione di 200.000 opere.
• Questa collezione consiste di opere etrusche, greche, romane, e egiziane.
La Collezione Greca
• Pelaggio Pelagi ha contribuito la maggior parte della collezione greca, incluso molti vasi magno greci.
• La collezione di Pelagi anche incluso la testa di marmo dell’Atena Lemnia.
• Questa testa di marmo è considerato il lavoro migliore di Fidia.
La Collezione Egiziano
• Alcuni oggetti antichi egiziani sono arrivati a Bologna nel 500.
• Nel XIX secolo, Pelagi ha acquisito una collezione importante degli oggetti antichi egiziani.
• Il museo ha ricevuto 3.000 oggetti antichi egiziani di Pelagi.
• In tutto, il museo ha più di 4.000 oggetti antichi egiziani.
• La collezione egiziano è considerato il più grande d’Italia.

Next Page »